SETTORE ALPI E PREALPI CARNICHE E GIULIE

Bollettino Valanghe - emesso dal C.do B. alp. Julia
alle ore 14:00 del  14/12/2018
per le esigenze dei reparti in attività in ambiente montano innevato
in collaborazione con il Servizio Meteo dell’Aeronautica Militare e AINEVA

 PREVISIONE (1) per il giorno 15/12/2018

  

STATO MANTO NEVOSO: Strati di neve fresca asciutta a debole coesione _su croste da vento e da fusione e rigelo inglobate._Il manto nevoso è in generale ben consolidato sulla maggioranza dei pendii ripidi._La copertura nevosa è presente sui versanti a sud a partire dai 1800 m mentre per i versanti a nord inizia dai 1500 m. Gli spessori medi variano dai 15 ai 20 cm con possibili accumuli da vento fino ai 30 cm. Sopra i 2000 m gli spessori sono più considerevoli sino ad arrivare ai 50-60 cm nella zona del Canin. Localmente porre attenzione ad eventuali accumuli da vento e a scivolose croste ghiacciate sui cambi di pendenza e sulle conche e canaloni.

SOTTO SETTORE METEO ESPOSIZIONI PIÙ CRITICHE QUOTE PIÙ CRITICHE TENDENZA (2)
del PERICOLO  per i giorni successivi
AVVERTENZE
CIELO FENOMENI
PREALPI CARNICHE
2000

----

In considerazione della scarsa copertura nevosa sono ancora sconsigliate attività che prevedano la movimentazione su sci, alle quota alte porre massima attenzione a piccoli accumuli da vento quindi valutare attentamente il pericolo locale. Con l'abbassamento delle temperature eventuali attività su terreno misto dovranno essere pianificate ponendo attenzione all' equipaggiamento (vestiario adeguato / racchette da neve e/o piccozze e ramponi / grappette in base alle quote frequentate). Il prossimo bollettino sarà emesso entro le ore 14:00 del giorno 17 Dicembre 2018.

ALPI CARNICHE OCCIDENTALI
2000
ALPI CARNICHE ORIENTALI
2000
ALPI GIULIE
2000
PREALPI GIULIE
2000
1*

Il presente bollettino è uno strumento di valutazione regionale del pericolo valanghe. La sua consultazione non può escludere in alcun modo la necessaria capacità di valutazione locale del pericolo (singolo pendio) che è pertanto richiesta ad ogni utente.

2*

L'indicazione della tendenza non può sostituire la previsione per la cui disponibilità si rimanda alla consultazione di bollettini aggiornati.